IL CALCIO E’ CAST AWAY

Credo che non sia un caso che quest’anno ricorra il 20° di Cast Away, il fantastico film del 2000 diretto da Robert Zemeckis interpretato da Tom Hanks, dove l’attore non protagonista, Wilson, l’ha fatta da padrona.

Perché mi torna in mente Wilson?

Perché sono i 20 anni della sua celebrazione

Perché il calcio è naufragato con la pandemia

Perché per recuperare i diritti televisivi ci si è prestati a calpestare i diritti dei tifosi

Perché non capisci dove finisce una giornata e quando incomincia la successiva

Perché per seguire il calendario delle partite ci vuole una agenda elettronica di alta precisione

Perché non tutti hanno l’aria condizionata in casa

Perché senza tifosi è solo palinsesto televisivo, non è passione . . .

Perché alle 23.00 dormo e mi hanno nauseato

Allora che si giochino le partite con Wilson (con i capelli) e cooling break a volontà, ma a casa!

Almeno si celebrano i 20 anni di una commedia fantastica e tutto il “baraccone calcistico” attuale prende la sua corretta connotazione . . .

Intanto, nel “naufragio” vince ancora la Juve, allora . . . ancor di più “viva Wilson”, anche lui senza pubblico dal vivo, ma vincitore indiscusso

Claudio Villa 23 luglio 2020

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *