Inizia Sanremo con Tim sponsor unico e il mistero dei fiori di Murakami

Amadeus, dopo il balletto natalizio stile Sven Otten, fantastico ballerino icona di successo Tim, con il suo stesso completino, sulle musiche di “Stella stai” di Umberto Tozzi ri-Minizzate (rivisitate da Mina) e contaminate Disney Star Wars, si butta a capofitto su Sanremo con la stessa divisa da danza Tim . . . Ieri, girando per i canali nazionali, mi ritrovo i promo con Amadeus in riquadri di pose alla Sven Otten, ma la cosa che prende la mia attenzione sono i “fondali fiorati” ripetuti più volte nello spot. Amando l’artista giapponese Takashi Murakami e le sue texture di fiori artistici, ho avuto una folgorazione. Che Tim abbia attivato una collaborazione con l’artista contemporaneo mentore anche della contaminazione delle borse di Louis Vuitton e delle splendide “Murakami for Frisk”? I famosi fiori di Sanremo si “trasformano nei metafisici floreali” di Murakami? Ho cercato conforto nel web, ma non trovo nessun aggancio. Ora mi resta la curiosità! È un “cameo artistico sublime” o una svista grossolana senza licenza?

Claudio Villa 7 febbraio 2020

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *