Brandina: quando il marketing “vintage-innovativo” dimentica il buon gusto!

Una donna che indossa una borsa Brandina, non credo sia felice di essere rappresentata da un “fondo-schiena” acquistato dall’ortolano! Un lato B sfacciatamente ritoccato e ancora una volta ci si serve delle nudità e rotondità di una donna per mostrare un prodotto, mercificandola . . . tutto molto in linea con il movimento Me Too . . . la storia della “Donna-Brandina” parte da lontano, fino a mortificare la terza età femminile con un casting per commesse e adesso evidenziando immagini che svendono la donna al voyeurismo e all’impulso testosteronico. Manca solo un bel calendarietto da cuccetta . . . Così, di certo, i piccoli Toscani non crescono, ma fanno esplodere il sano bigottismo latente . . . ma che problemi avete con le donne?!? Claudio Villa 29 agosto 2019

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *