Alla conquista “dell’integrazione pop”: a che punto è il lancio della Coca Cola Energy?

Dalla partenza in aprile nel Regno Unito, la Coca Cola energetica continua la sua scalata in Europa. Assieme alla Coca Cola Coffee, fa parte del costante impegno dell’azienda ad estendersi dalla sua categoria principale di bevande gassate, per diventare “un’azienda di bevande totali”, identificando il segmento Energy e Caffè come canali con un grande potenziale di business. La nuova Coca Cola Energy, combinazione di caffeina ed estratti di guaranà, vorrebbe mettersi in diretta concorrenza con i leader di mercato Red Bull e Lucozade, nonché con Monster (di cui la Coca Cola è azionista). Così come la linea Coffee, che sta spopolando nelle vending in Giappone, fa il verso a Starbucks, benchmark di riferimento dopo l’acquisizione da parte di Coca Cola della catena britannica Costa Coffee. Al motto di: “dobbiamo continuare a creare marchi nuovi o i rivenditori online vinceranno”, resta il fatto che la Coca Cola Energy, visto che non ha il sapore stucchevole delle bevande energetiche, ma resta intatto il gusto di Cola Cola, fatica a prendere quote dei competitors perché tra i consumatori passa il concetto: se ami Coca Cola, Coca Cola Energy è nata per te! Il vasto mondo “dell’energy pop” di Andy Warhol. Claudio Villa 19 agosto 2019

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *