Mese: settembre 2018

La campagna di Snickers è responsabile di alcuni degli schemi di marketing più divertenti dell’anno e il più recente banner di Snickers non fa eccezione. La pagina web del marchio di cioccolato, presenta un banner pubblicitario che recita “Prendi 1 al prezzo di 2”. Quelli con un occhio acuto noteranno l’assurdità della proposta, tuttavia, coloro che cliccano attraverso l’annuncio, saranno indirizzati a un video che presenta un life coach interessato, il quale chiede allo spettatore se sta andando tutto bene....
In meno di un anno dal suo lancio, Smash Mallow, ha creato un nuovo mercato nello spazio dolciario americano. La società vende 500.000 unità al mese e ha raggiunto circa 1 milione di dollari al mese di fatturato. Questi snack contengono 80 calorie per porzione (una confezione è composta da quattro Smash Mallow), sono realizzati con zucchero di canna biologico e gelatina Kosher certificata e sono privi di glutine. Vengono considerati una buona alternativa coscienziosa a dolcetti come brownies o...
I media digitali sembravano causa della distruzione dei tradizionali rapporti face-to-face ma, da molti segnali evidenti, sembrano invece all’origine di molteplici nuove forme di aggregazione . . .  vedi i residenti di Via Fondazza a Bologna. La Social Street di Via Fondazza a Bologna, nata nel settembre 2013, è stata una delle prime Social Street al mondo. Una Social Street è una strada in cui gli abitanti decidono di conoscersi (generalmente attraverso la creazione di un gruppo Facebook) e di...
Sonoma Brands, l’incubatore per le nuove marche alimentari, lancia una linea di snack a base di uova con il nome di Peckish. L’obiettivo è quello di creare uno snack ad alto contenuto proteico con ingredienti semplici e sapori di tendenza. I primi prodotti realizzati a firma Peckish saranno i “peck packs” che accoppiano due uova cotte, biologiche e ruspanti con salse croccanti: le opzioni disponibili includono uova e “Rancheros”, uova e “Waffles d’acero”, uova e “Riso fritto”, uova e “Sale...
Grande successo del test “porta pazienza”! Gli aeroporti non sono sempre sinonimo di soddisfazione del cliente, ma Kit Kat spera di cambiarlo con il suo nuovo distributore automatico per aeroporto, che offre barrette di cioccolato gratuito a chi subisce un ritardo del volo. Il cioccolato rende tutto migliore e Kit Kat sta facendo tesoro di questo fatto con questa esperienza speciale all’aeroporto di São Paolo in Brasile. Le barrette di cioccolato sono riservate a chi subisce un ritardo di volo...
La moderna tendenza a rinunciare a questo capo intimo, rappresenta sempre più i contorni di un fenomeno di costume, che non ha niente a che fare con la protesta politica per il riconoscimento della parità dei diritti, simbolo invece del movimento di liberazione femminile degli anni Sessanta (momento di successo di Caterina Caselli). La vendita di reggiseni da parte di importanti marchi di abbigliamento femminile è in fortissima contrazione. Victoria’s Secret è in grande difficoltà perché per anni ha puntato...
Mentre in Italia, dal frullatore si è passati alla centrifuga e all’estrattore, attraversando tutte le fasi del Bimbi, per arrivare al passatempo della produzione di birra artigianale, il modello americano fai-da-te supera ogni frontiera, la fase del bricolage e della piccola officina in garage, è ormai il passato. La propria winery in casa è un consolidato, visto il grande mercato di “mini produttori di vino a domicilio”. Ora con PicoStill di PicoBrew, si consente ai consumatori di distillare i propri...
Quando lo ”spray al peperoncino” si sostituisce alle istituzioni, è la dimostrazione di uno stato alla deriva. È come curare un tumore alla prostata con il “Proctolyn”, perfetto per le emorroidi. Mentre l’unico modello di difesa (inutile) è la disperazione della donna . . . e al contempo i telefonini diventano, con la geo-localizzazione, il migliore sistema di indagine e le telecamere di sicurezza sono il modello che certifica il fatto, a livello di prevenzione siamo alla denuncia di violenza...
Coca-Cola, con l’acquisto della catena Costa Coffee dal proprietario Whitbread, cerca di entrare nel mercato del caffè dalla porta principale e di “sostenere” il suo giro d’affari mentre le vendite di bevande gassate ad alto contenuto di zucchero continuano a diminuire. Whitbread possiede Costa dal 1995, acquistato per 19 milioni di sterline. Ha più di 2.400 negozi di caffè nel Regno Unito e 1.400 in 31 mercati d’oltremare. E’ presente anche nel canale distributori automatici. L’accordo vale circa 4 miliardi...