Mese: giugno 2017

È evidente che buona parte delle nostre scelte siano passate nel “news feed” : la visual inspiration del social ci attraversa, ci pervade, ci stimola e ci orienta. I posti che scegliamo da visitare o per cenare devono essere idonei per essere “instagrammati”.  Abbiamo la testa che viaggia per storytelling, dove noi stessi siamo autori, registi e interpreti. I brand, sempre di più, “disegnano”  prodotti “social oriented”. In questo senso “l’Unicorn Frappuccino” potrebbe essere servito a colazione da Alice nel...
La realizzazione di questo parco galleggiante di circa 700 mq che a tutti gli effetti rappresenta un piccolo “campo da calcio”, completa la proposta di Boabay l’aquapark galleggiante più grande del mondo nato a Rimini l’estate scorsa. È una case history quasi unica nel genere. Non è soltanto un progetto di comunicazione, ma è un parco a tutti gli effetti dove l’adulto e il bambino possono divertirsi assieme in un’esperienza unica, adrenalinica, socializzante e multi-target. Tutto questo in un momento...
Oltre il 30% della popolazione mondiale ha una parte del corpo tatuata.  Dal capostipite dei tatuaggi, la mummia Otzi di oltre 5000 anni fa che ne aveva impressi sul corpo oltre 60, che raccontavano i passaggi della sua vita, si è arrivati a tradurli in dettagli di stile. Dal segno religioso, alla libera espressione della personalità, simbolo di protesta, ricorrenza o ribellione a trend di moda.  Il passaggio non è stato breve (circa 5 millenni), ma l’enorme bacino di mercato...
La sovranità “dell’arte della mobilità urbana” URSS. Dalla decorazione di artisti locali che amano cose pulite ed ordinate e abbelliscono un paesaggio vuoto stimolati dal concetto del bello e da una sensibilità estetica comune nella cultura Bielorussa alla monumentale architettura Russa che venne definita “il palazzo per il popolo” fatta di pilastri di marmo, vetrate colorate e sculture imponenti. Espressioni completamente diverse di uno stesso “popolo sovrano”.
Museum of failure innovation. Come diventare un caso di successo nel museo dei casi d’innovazione d’insuccesso. Il Museum of Failure  si trova a Helsingborg in Svezia ed è una collezione di interessanti fallimenti dell’innovazione.  Il museo mostra questi fallimenti per offrire ai visitatori un’esperienza di apprendimento affascinante. La collezione è costituita da oltre settanta prodotti e servizi falliti provenienti da tutto il mondo. Ogni elemento fornisce una visione unica nel business rischioso dell’innovazione. Le lasagne congelate di Colgate, il ketchup...
La satira politica era patrimonio unico ed indivisibile della sinistra detta snob. Probabilmente, visto e considerato che la satira politica estremizzava ed esplodeva con ironia concetti surreali, vista la qualità mediocre dell’ultima generazione politica e in considerazione del fatto che loro stessi operano ed esternano il loro pensiero tramite supercazzole surreali, si e’ svuotato il motivo di esistenza della satira politica stessa. Non ha più senso raccontare “la realtà dei fatti”. Fortunatamente è cresciuta in maniera autoctona la satira sportiva,...
Peter  è un art director e designer di New York  che si esalta tramite l’illustrazione ed il design interattivo. L’artista ha creato un ritratto misto di Thomas J. Watson che contamina l’iconografia IBM  facendo il verso  agli album degli anni ’60 rock ‘n’ roll. Per capire meglio l’opera e l’uso del linguaggio utilizzato occorre partire dalla frase “good design is good business” pronunciata dal presidente IBM nel 1956 che piantava il seme di  quello che sarebbe diventato per anni  il...